La banca olandese Rabobank aprirà a Leeuwarden un nuovo centro per la criminalità finanziaria. Con il nuovo polo, che sarà ospitato nell’ex sede della Friesland Bank (“l’edificio con la cupola verde”), verranno creati tra i 150 e i 200 posti di lavoro.

Altri sette centri di competenza saranno aperti in tutto il Paese, a Groningen, Amsterdam, Rotterdam; Eindhoven, Elst (Gelderland), Sittard e Hengelo. “Abbiamo scelto di avere una diffusione nazionale, perché abbiamo radici in ogni regione”, ha detto un portavoce. “È anche più semplice per il reclutamento di nuovi addetti”.

In precedenza Rabobank aveva 50 lavoratori dedicati alla criminalità finanziaria in Frisia, che lavoravano per il suo braccio regionale. Negli ultimi anni la ristrutturazione digitale e l’automazione dei processi della banca ha lasciato a casa un gran numero di dipendenti. Nuovi specialisti saranno assunti per il centro di Leeuwarden: “questo lavoro richiede conoscenze specifiche”, afferma Jelmer Algra, direttore della Rabobank Leeuwarden Noordwest-Friesland.

Algra ha dichiarato al Leeuwarder Courant che l’iniziativa “è una grande spinta al mercato del lavoro frisone”.

Il centra sarà indicato come un ufficio “Customer Due Diligence”, e indagherà su transazioni sospette tra persone e/o aziende. Il governo olandese guidato da Mark Rutte ha dato un ruolo sempre più importante alle banche stesse nella lotta alla criminalità finanziaria, come il riciclaggio di denaro – nonostante una serie di enormi casi di frode finanziaria che hanno coinvolto i gruppi ABN AMRO e ING, con ING che nel 2018 è stata accusata di “finanziamento del terrorismo”.