High Internet Weirdness: si tratta di un workshop di due settimane sulla mappatura di sottoculture politiche alternative online.

Tutti gli eventi si terranno al Teatro dell’Università di Amsterdam (Nieuwe Doelenstraat 16-18), dal 1 al 12 luglio 2019.

Di fronte ad una politica stantia, ciò che ne rimane si frantuma in migliaia di piccoli pezzi che creano nuove forme di pensiero radicale.

In questi spazi fuori dalla portata dei media, le linee che separano la sinistra dalla destra, il conservatore dal progressista, il tradizionale dal futurista, iniziano a diventare permeabili e aperte.

Queste nuove e strane sottoculture politiche vengono suddivise in tre assi, in opposizione tra loro: sinistra-destra, tirannia-anarchia e tradizione-futurismo

Il tribalismo è un altro modo di concepire questi fenomeni.

Durante il workshop, verranno sviluppate nuove strutture per schematizzare le sottoculture politiche o “tribù”, con metodi di ricerca digitali e creativi.

Si segnalano anche alcuni eventi pubblici, come la conferenza di Rose Rowson dal titolo Un Gemelli lo direbbe: Astrologia Moderna e Cultura Digitale. Si terrà lunedì 1 luglio, dalle ore 18 alle 20

Nel 2019 infatti l’astrologia costituisce una parte redditizia dei 2.2 bilioni di dollari che circolano in questo settore. Rowson racconta come ci si è arrivati, dal 1930 fino alla televisione e ancora ad internet.

Mentre il discorso di apertura, di Erik Davis, prende il titolo di Robert Anton Wilson and the Discordian Origins of Meme Magick.

La relazione fornirà spiegazioni sulle correnti attività anarco-libertarie della controcultura americana. Nonostante le intenzioni fossero differenti, queste “politiche anti-disciplinari” sono infine permeate ed hanno piantato il seme nella terra digitale di oggi.