The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

Le piattaforme digitali guardano al business dei servizi bancari. ING: un pericolo

“Se queste grandi piattaforme dovessero scegliere il mondo bancario, potrebbero fare cose incredibili. Hanno grandi riserve e sarebbero in grado di acquistare tutto



La più grande minaccia per il futuro del banking internazionale non verrebbe da una start-up, ma dalle più grandi piattaforme tecnologiche come Google, Apple e Amazon. Quest’ultima in particolare avrebbe un enorme potenziale di cambiamento degli equilibri attuali, stando a quanto detto dall’amministratore delegato di ING Ralph Hamers ai microfoni del Financieele Dagblad.

“Se queste grandi piattaforme dovessero scegliere il mondo bancario, potrebbero fare cose incredibili. Hanno grandi riserve e sarebbero in grado di acquistare tutto. Non mi stupirebbe se questo dovesse succedere, prima o poi” ha detto Hammer al quotidiano finanziario FD.
Secondo il CEO, Google ed Apple sarebbero relativamente riluttanti a mosse simili. “Amazon invece si mostra sempre più coraggiosa ed è alla ricerca costante di percorsi non battuti da esplorare aprendo qualche nuova costola. Ma questa non è certo una prerogativa dell’occidente. Se uno guarda in Cina ad esempio, le piattaforme tecnologiche Alibaba e TentCent forniscono già servizi bancari e dispongono di tutte le licenze necessarie.”

A detta di Hamers, ING potrebbe andare molto bene appoggiandosi a piattaforme come Amazon e Google nei servizi bancari, per esempio per i servizi di pagamento. Ma la sua strategia principale per la banca olandese sarà quella di sviluppare una propria piattaforma online aperta, su cui altre società possano offrire i propri servizi finanziari o di altro tipo. “La gente non ama gestire le proprie attività bancarie, neanche a me piace” ha detto Hamer a FD. Secondo lui, una piattaforma aperta in grado di offrire un’ampia varietà di servizi riceverebbe molto più traffico di una semplice app bancaria. Il traffico extra potrebbe risultare in più lavoro per la banca, ma la banca in qualità di proprietario può anche ridistribuire gli utili generati dalle altre aziende che usano la piattaforma.

ING prevede di lanciare questo progetto entro il 2020 in Italia, Spagna, Francia, Austria e Repubblica Ceca, e un altro simile in Olanda e Belgio nel 2021. L’obiettivo finale resta quello di disporre di un’unica piattaforma globale.



31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!