NL

NL

Le città registreranno le sex workers per combattere lo sfruttamento. Ma la privacy?

I comuni dei Paesi Bassi saranno presto tenuti a registrare le sex workers per determinare se svolgono volontariamente o meno la professione e se soddisfano i requisiti minimi di età e capacità linguistiche: la misura ha lo scopo di garantire che le persone che guadagnano denaro dal lavoro nel business del sesso legale non siano state costrette e siano protette dagli abusi, ha affermato mercoledì il quotidiano AD in un rapporto.

Non è ancora chiaro quando entrerà in vigore il nuovo provvedimento ma una volta efficace, darà alle città il diritto di esaminare i registri aziendali degli operatori di settore e di leggere i colloqui di assunzione di chiunque. Le città potranno anche effettuare controlli casuali per verificare che tutte le sex workers siano maggiorenni e che parlino olandese o inglese, dice AD.

Molte le critiche nel settore; inoltre, le nuove regole richiederanno sia all’operatore che alla città di conservare ed elaborare i dati personali fino a 5 anni.

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli