Come ogni anno, alcune norme approvate in quello chiuso da poco ed entrate in vigore da ieri.
Ecco una carrellata dei principali cambiamenti:
Lavoro e sussidi
Il salario minimo per un adulto salirà di 58 centesimi al giorno a 72,83 euro
L’età pensionabile statale salirà a 66 anni
I beneficiari del welfare potranno avere fino a € 6.020 di valori e titoli prima che il sussidio venga tagliato
Il sussidio massimo erogabile dal servizio sanitario per una persona salirà a € 1.139 all’annoL’indennità per i figli aumenterà marginalmente. 
La soglia del capitale esente da imposte per la patrimonuale  aumenterà da € 5.000 a € 30.000. 
Proprietari di casa
I nuovi proprietari di casa potranno prendere in prestito solo il 100% del valore della loro proprietà, non il 101% come nel 2017.
La percentuale massima di interessi ipotecari che può essere detratta dalla tassa verrà ridotta dal 50% al 49,5% nel 2018. Quando una coppia compra una casa, il 70% dello stipendio del secondo partner sarà ora incluso nel calcolo del mutuo massimo invece del 60% precedente.
Le associazioni di proprietari di case saranno obbligate per legge a creare un fondo per pagare le riparazioni più importanti.
Dentifricio, shampoo e crema solare saranno soggetti al 21% di IVA/BTW e non più al 6% come prima. 
Il costo delle memory stick e degli accessori per immagazzinare dati aumenterà di 60 centesimi come tassa per il copyright.
Per chi convola a nozze, le proprietà individuali rimarrano di ciascuno e non andranno in comunione dei beni.
I peuterspeelzalen e i kinderdagverblijven, due strutture assimilabili agli asili, verranno unificati sul piano fiscale e da oggi anche i genitori che utilizzano i primi avranno diritto a sussidi.
Treni
I biglietti del treno di seconda classe aumenteranno dell’1,2% in più, ma quelli di prima classe non saranno più costosi. 
Altre novità
Condannati per reati gravi o per crimini sessuali potranno essere tenuti sotto sorveglianza più a lungo, per ridurre al minimo il rischio di recidiva. 
 
Nel 2018, le multe per eccesso di velocità aumenteranno in maniera sostanziale. Il numero delle municipalità nei Paesi Bassi sarà ridotto da 388 a 380 a causa di fusioni e cambiamenti di confine. 
Nuovi incentivi economici saranno disponibili per i datori di lavoro che assumono giovani disoccupati, lavoratori anziani e persone con handicap.