Il ministro federale Wouter Beke su “priorità vaccinale per i giovani” non è d’accordo: secondo lui, non è “saggio invertire l’ordine delle vaccinazioni”, dice VRT. L’appello di alcuni nomi noti fiamminghi che chiedevano al governo di dare priorità ai giovani per “far riacquistare loro un po’ della libertà perduta fino ad ora”, non sarebbe una buona idea: non è vero che riacquisterebbero la libertà una volta vaccinati e secondo lui, alcune fasce deboli hanno più bisogno del vaccino.

“L’idea di vaccinare prima i giovani non è sensata. È comprensibile che le persone e soprattutto i giovani stiano attraversando un periodo difficile con tutte le misure, ma la strategia vaccinale si basa su una premessa: come possiamo garantire i più vulnerabili”. Secondo il ministro, le ragioni sono umanitarie e pratiche: i più vulnerabili ne hanno più bisogno e sovraccaricano di più il servizio sanitario nazionale.

Da questo punto di vista, non è saggio invertire l’ordine della vaccinazione. “Quando i giovani vengono infettati, molti non se ne accorgono. La possibilità che finiscano in terapia intensiva o muoiano per le conseguenze del COVID-19 è relativamente trascurabile”, dice il ministro, secondo VRT.

I firmatari dell’appello, includono il CEO di Child Focus Heidi De Pauw e Sara Vercauteren e i consulenti PR Bepublic. La signora De Pauw, che dirige il centro belga per i bambini scomparsi e sfruttati sessualmente, sostiene che in futuro si dovrebbe dare ai giovani di età compresa tra i 18 ei 24 anni una voce essenziale nel dibattito sulle misure della corona e sulla vaccinazione. Questo gruppo dovrebbe essere la prossima priorità dopo gli operatori sanitari, i residenti delle case di cura e i lavoratori chiave.