Facebook ha rimosso un video pubblicato dal partito di governo serbo-bosniaco che elogiava Ratko Mladic dopo la sua condanna per genocidio e altri crimini di guerra, e ha avvertito che il partito potrebbe essere messo al bando dal social se continua a diffondere l’odio etnico.

Facebook ha rimosso un video sull’ex capo militare serbo-bosniaco Ratko Mladic intitolato “Il generale è diventato una leggenda oggi”,  pubblicato sulla pagina ufficiale del partito al potere nell’entità bosniaca della Republika Srpska – la zona a maggioranza serba in Bosnia- dominata dal partito SNSD.

Il partito ha condannato la rimozione del video di Mladic come un attacco alla libertà di espressione.

Il video, vedeva una voce fuori campo del leader SNSD Milorad Dodik che lodava Mladic. Dodik, al momento, è anche il membro serbo della presidenza tripartita della Bosnia-Erzegovina.

La voce fuori campo ha affermato che condannando Mladic per genocidio e altri crimini di guerra all’inizio di questo mese, il tribunale delle Nazioni Unite dell’Aia “ha fatto diventare il generale una leggenda”.

Un portavoce di Facebook ha dichiarato a BIRN che il social network non deve essere utilizzato come piattaforma per fomentare l’odio e che i gruppi definiti pericolosi possono essere banditi in modo permanente.