Subito dopo l’arrivo di Adolf Hitler alla Cancelleria tedesca nel 1933, gli ebrei olandesi continuarono a condurre una vita normale. Ma, ad un certo punto, i primi rifugiati tedeschi attraversarono il confine, giungendo fino a Groningen. Fu allora che gli ebrei e le donne del nord cominciarono ad allarmarsi. Di fronte alle richieste di aiuto, l’accoglienza degli ebrei di Groningen fu sprezzante e distaccata. Questi ultimi “temevano che altri avrebbero messo a repentaglio la propria posizione nella società”, scrive Van Der Poel, professore di storia all’università locale.

Un’eccezione a questa tendenza comune fu il rabbino Abraham Salomon Levisson. Egli, infatti, si prodigò il più possibile per aiutare i rifugiati.

Anche dopo la Kristallnacht, il pogrom che distrusse luoghi di culto, cimiteri, negozi e case private, la situazione rimase la stessa. Gli ebrei di Groningen non si lasciarono impietosire dalle vittime e dalle distruzioni provocate dalla campagna tedesca del 1938. “Le porte erano chiuse“, scrive Harm van der Veen, autore di Westerbork 1939 – 1945: La storia del campo profughi e deportati di Westerbork.

Nonostante le opposizioni, le richieste e gli arrivi nei Paesi Bassi non diminuirono. A quel punto, il governo olandese decise di aprire un campo profughi. Si optò per un tratto di terra di proprietà del servizio forestale olandese a Drenthe.

“Isolati, selvaggi, desolati e vuoti … l’ideale per il campo profughi centrale”, nota vanamente Van Der Veen.

Nell’agosto del 1939 iniziarono i lavori di costruzione del campo. I primi rifugiati ebrei si trasferirono il 9 ottobre 1939. Nell’aprile del 1940, c’erano 749 rifugiati che vivevano a Westerbork. Gli alloggi erano abbastanza confortevoli e il cibo non scarseggiava. C’era persino l’intenzione di costruire una scuola e un ospedale. Ma il terreno di Drenthe si rivelò ben presto inospitale. Le rigide temperature invernali resero le condizioni di vita ancora più dure. Nel frattempo Levisson non smise di visitare il campo. Desiderava offrire ai rifugiati un supporto morale. Fece loro anche una promessa: se i tedeschi fossero entrati a Drenthe, li avrebbe aiutati a fuggire.

Il 10 maggio 1940, le forze tedesche attraversarono il confine olandese. I tentativi di protezione di Levisson furono vani. In un primo momento, i rifugiati furono portati nelle case di Leeuwarden e la sinagoga divenne un rifugio temporaneo. Ma la loro permanenza in città fu di breve durata: furono fatti ritornare a Westerbork il 27 maggio.

Il 1 luglio, il campo ufficialmente cadde sotto il dominio tedesco e divenne un campo di deportazione: Polizeiliches Judendurchgangslager.

Hartog Beem è un sopravvissuto all’Olocausto: nato a Harderwijk nel 1892, era un insegnante di scuola, e lui e sua moglie Retje avevano due figli, Salomon ed Eva. Dopo l’invasione tedesca del 1940 la famiglia si separò. Cercarono di sfuggire alle deportazioni nascondendosi in luoghi diversi. Ma sia Salomon che Eva vennero scoperti e uccisi.

Nel 1974, Beem ha pubblicato Gli ebrei di Leeuwarden. In questo libro, l’autore fa un ritratto della vita delle famiglie ebraiche a Leeuwarden prima dell’invasione. In seguito, descrive l’arrivo dei tedeschi e le azioni mirate a isolare la popolazione ebraica dal resto della società olandese.

“Gli ebrei e altri gruppi di minoranza non potevano più far parte dei gruppi di protezione antiaerea. I metodi di lavorazione kosher della carne furono banditi. Ai dipendenti pubblici di discendenza ebraica fu negata ogni promozione. Nel novembre 1940, tutti i funzionari pubblici ebrei dovettero lasciare il lavoro. Poi, Il timbro “J” sui passaporti. I loro averi furono registrati e poi sequestrati. I bambini ebrei non potevano più frequentare le scuole pubbliche. Tutti i luoghi pubblici, dai parchi ai mercati, teatri, cinema e biblioteche erano tutti off limits. Solo quando i tedeschi li ritennero sufficientemente isolati iniziarono i preparativi per la deportazione“.

La prima ondata di deportazioni iniziò nel 1942. Circa 800 uomini furono inviati nei campi di lavoro. C’erano cinque campi di questo tipo in Frisia. Il professor Van Der Poel afferma che campi simili esistessero nella provincia di Groningen, ma molti campi erano a Drenthe e Overijssel. I campi di lavoro erano il preludio al campo di deportazione a Westerbork.

E mentre i tedeschi davano inizio ad un periodo di atrocità, la vita rimase relativamente normale a Westerbork. Le persone avevano un lavoro e c’era un grande ospedale che forniva cure di alta qualità. I detenuti potevano iscriversi a corsi, partecipare a sport e fare shopping con valuta creata per il campo. C’erano anche regolari esibizioni musicali di musicisti ebrei nel campo.

La maggior parte dei treni da Westerbork viaggiava verso Auschwitz. Su 60.330 persone deportate da Westerbork, 4000 sono sopravvissute. I treni trasportarono ebrei, sinti e rom anche a Theresienstadt, Bergen-Belsen, Buchenwald e Ravensbruck. Erano 107.000 gli ebrei olandesi deportati nei campi. Meno di 5.000 tornarono in Olanda dopo la guerra.

Anche il rabbino di Leeuwarden, Levisson, fu fatto prigioniero ad Amsterdam nel 1943. Fu trasportato a Westerbork. Poi a Bergen-Belsen. Levisson continuò a servire come rabbino mentre si trovava a Bergen-Belsen. Morì nella città di Trobitz.