La stampa di mezzo mondo ha osservato minuto per minuto la lunga notte elettorale. Non fanno eccezione i media italiani: cosa hanno detto del voto olandese?

Il Corriere della Sera apre con “Voto in Olanda, vince il liberale Rutte. Wilders ‘Non vi siete liberati di me'”. Il quotidiano di via Solferino ha ripreso una frase di Mark Rutte: «L’Olanda ha detto no al populismo» e sottolinea come i negoziati per la formazione del nuovo esecutivo, partano già dalla giornata di giovedi. Anche Repubblica titola, nella sua edizione online a proposito della vittoria di Rutte: “Olanda ai liberali, respinti i populisti di Wilders.

Secondo l’editorialista Del Re, su Repubblica tv “E’ una rivolga contro xenofobia e antieuropeismo”. Più deciso il titolo della Stampa: “L’Olanda è una diga contro i populisti” titola il giornale di Torino e scrive: Rutte, salvatore d’Europa.

Anche il Fatto quotidiano si occupa di elezioni olandesi, puntando l’accento sul pericolo-populismo scampato.”Fermata la crociata dei populisti
di Wilders e dei bianchi “declassati”.

A destra, tra i commenti de il Giornale, c’è quello di Marcello Foa: “Visto l’Olanda? L’effetto Erdogan c’è stato. Ma contro Wilders”. Di tenore simile Libero: “Olanda, nessuna spallata all’Europa. Wilders non sfonda, vincono i liberali”