Il ministero degli Esteri è stato accusato di aver messo i bastoni tra le ruote ad un’inchiesta del magistrato su una società olandese di costruzioni che avrebbe pagato somme di denaro alla famiglia reale saudita.

Il quotidiano Telegraaf aveva parlato della vicenda nel 2013: B La maggior parte del denaro, circa 450 milioni di $, è andato al principe Alwaleed bin Talal Alsaud.

Documenti recentemente ottenuti dalla stazione televisiva Human hanno rivelato che il Ministero degli Affari Esteri avrebbe bloccato il tentativo della divisione frodi del servizio fiscale olandese (FIOD) di interrogare un testimone saudita nel corso della sua indagine sul caso. Secondo il documento, che è alla base di un reportage che verrà trasmesso stasera, l’intervista è stata abbandonata ‘A causa delle relazioni bilaterali, dello status degli interessati e dei possibili rischi per il testimone che doveva essere ascoltato.

Gli investigatori, secondo il Telegraaf, rimasero delusi dall’atteggiamento del capo-dicastero. Il ministro degli affari esteri di allora, Frans Timmermans ha negato qualsiasi interferenza nel caso, sollevato alla camera dal deputato SP Harry van Bommel. Gli interessi dei ‘Paesi Bassi’ in Arabia Saudita,  ha detto Timmermans al quotidiano di Amsterdam, non avrebbero avuto alcuna influenza nel caso.

Ballast ha costruito due aeroporti militari in Arabia Saudita per una somma totale di $ 580.000.000. FIOD crede che i contratti fossero, a malapena, del valore di 249 milioni di $ e che la differenza fossero le tangenti pagate.