La toponomastica delle città di tutto il mondo è stata animata dal movimento #MeToo: a Bruxelles, Madrid e Ginevra, figure come la cantante belga Annie Cordy, l’eroina della guerra civile spagnola Dolores Ibárruri e la scrittrice giamaicana Una Marson hanno ricevuto tardivamente un riconoscimento.

“Ma nel villaggio fiammingo di Moorsele c’è sconforto”, scrive Daniel Boffey sul Guardian. Se le cinque nuove vie – Marie Curiestraat, Augustina Peutermanstraat, Heilige Theresiastraat, Koningin Fabiolastraat e Maria Rosseelsstraat – hanno entusiasmato i residenti, la sesta, Marie Cornilliestraat, ha suscitato grida di protesta.

Marie Cornillie, la proprietaria terriera conosciuta come la “signora del castello di Moorsele” ha vissuto nel villaggio tra il 1793 e il 1867. La gente del villaggio ricorda con astio “che la donna non era certo un modello, ma un personaggio altezzoso che amava il suo cane più della gente del posto e che aveva la tendenza a urinare in strada. E il suo cocchiere doveva pulire”

“È una vera vergogna”, protestano Lut Vanoverberghe e Lothair Vanoverbeke, che guidano il club di storia locale. Vanoverberghe, che ha scritto un libro di 170 pagine su Cornillie tre decenni fa, ha detto di essere avvilita per la mancanza di cura dimostrata dal consiglio nella scelta di onorare la donna.

“Non ha mai significato nulla per Moorsele”, ha detto a Het Nieuwsblad. “Se ha fatto qualcosa, è stato perché ha potuto tessere la sua stessa trama. Gettava piccoli spiccioli dalla sua carrozza e poi si sentiva il pastore imprecare perché c’erano uomini che stavano in prima fila per prendere i soldi e ubriacarsi nei bar locali.

“Se doveva fare la pipì mentre andava da qualche parte, la faceva semplicemente accanto alla carrozza”, ha aggiunto. “E no, non sto parlando del suo cane, sto parlando della stessa Cornillie”.

Era così nota la preferenza di Cornillie per il suo cane rispetto ai suoi concittadini. “Mentre gli abitanti di Moorsele dovevano lottare per la sopravvivenza come tessitori, lei offriva grandi somme di denaro se il suo cane fosse scomparso. Non ci volle molto prima che il suo cane fosse rapito per la ricompensa”

Kevin Defieuw, assessore del comune di Wevelgem, ha detto che la decisione della commissione culturale di onorare Cornillie è stata unanime. “Cornillie ha certamente i suoi meriti: ha donato il terreno su cui è stata costruita la nostra scuola”, ha detto.

Il club di storia ha proposto che il consiglio chiami invece la nuova strada Sara Nieulantstraat, come la donna che fu la prima a guidare l’abbazia cistercense di Guldenberg che esisteva nel 13° e 14° secolo. Il comune ha risposto che il nome è troppo difficile da pronunciare.

CoverPic@Graindorkof, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons