Lo ha detto domenica nel programma televisivo Buitenhof. “Continuerò a scrivere, perché ho ricevuto anche molti messaggi da persone che mi chiedono di non fermarmi. Ma non scriverò più di religione. Assolutamente no”.

Gül ha debuttato recentemente con il romanzo Ik ga leven. Nell’opera critica le tradizioni turche e islamiche con le quali è cresciuta. Dopo la pubblicazione, è diventata bersaglio di intimidazioni e minacce di morte attraverso i social media. Tra le altre cose, ha ricevuto anche foto di armi da fuoco da account anonimi.

Due settimane fa politici, scrittori e membri di gruppi religiosi avevano firmato una petizione pubblica a sostegno di Lale Gül. La scrittrice ventitreenne ha lasciato la casa dei genitori all’inizio di questo mese perché il suo libro non è stato ben accolto nemmeno lì. In una certa misura, Gül aveva previsto il trambusto e persino le minacce, dice a Buitenhof, così come la delusione della sua famiglia. “Ma non mi aspettavo che le minacce sarebbero state così gravi”.