Telecamere di sorveglianza in tutte le macellerie e gli abbattitori, questo il provvedimento statale che il ministro degli affari economici Martijn van Dam ha deciso di mettere in atto dopo lo scandalo in Belgio: delle immagini provenienti dai vicini belga di qualche tempo fa hanno mostrato, infatti, le torture a cui gli animali venivano sottoposti prima della macellazione.

In realtà l’utilizzo di telecamere nei luoghi di macellazione è un’iniziativa che già nel mese di marzo aveva preso piede, ma non sotto forma di legge. Adesso tutto sarà ufficializzato e reso obbligatorio: le telecamere non svolgeranno un monitoraggio continuo, ma i dati, se richiesti dagli uffici per le ispezioni igienico-sanitarie e per la sicurezza degli alimenti, dovranno essere resi disponibili per la consultazione.