The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

ART

La quotidianità e i ritratti di Nicolaes Maes, allievo di Rembrandt, al Mauritshuis di Den Haag

É la prima retrospettiva dedicata al pittore di Dordrecht



Allievo di Rembrandt e artista talentuoso del XVII secolo, Nicolaes Maes sarà in mostra al Mauritshuis di Den Haag fino al 19 Gennaio 2020, per concludere il ciclo su Rembrandt e l’età dell’oro, in occasione delle celebrazioni del 350° anniversario della morte del grande artista,

L’esibizione, organizzata dal Mauritshuis e dalla National Gallery di Londra, comprende più di trenta dipinti e disegni che intendono tracciare l’evoluzione artistica di Nicolaes Maes dai suoi primi anni a contatto col maestro agli ultimi anni di carriera autonoma e affermata. Si tratta, infatti, della prima mostra retrospettiva a lui dedicata.

Nicolaes Maes, The Sacrifice of Isaac, c. 1653. Agnes Etherington Art Centre, Kingston

Originario di Dordrecht, l’artista inizia la sua carriera ad Amsterdam, a stretto contatto con Rembrandt che influenza profondamente i quadri di questo periodo.

Non a caso, proprio per via dello stile marcato dai chiaro-scuro e dai colori caldi che Maes aveva mutuato da Rembrandt, alcune tele di questo primo periodo sono state spesso confuse con quelle del maestro. Dipinti di soggetto religioso dal potente chiaroscuro e dai colori caldi come il Cristo che benedice i bambini, a lungo attribuito a Rembrandt, e l’Cristo di fronte a Pilato riflettono chiaramente l’influenza di Rembrandt.

Nicolaes Maes, Portret van een jongen in Romeins tuniek met ijsvogel en hond, 1671. Privécollectie

Un momento successivo della produzione artistica del giovane pittore olandese è, invece, dedicato alle scene domestiche che ritraggono perlopiù donne intente a svolgere i compiti casalinghi. Grande calma e intimità vengono comunicate attraverso i nuovi soggetti e il nuovo stile, almeno parzialmente emancipato da quello di Rembrandt. Ciò fa di Maes un pittore innovativo nella rappresentazione della quotidianità e ispira anche Pieter de Hooch e Vermeer.

Dagli anni ‘60 del XVII secolo, Maes cambia radicalmente stile e soggetti, riscuotendo grande successo, tanto da indurre alcuni critici a dubitare che si tratti dello stesso pittore. É il periodo trascorso ad Anversa e dedicato ai ritratti: i soggetti sono dipinti in modo lussuoso e nei paesaggi di sfondo ricorrono elementi antichi come fontane o statue, mentre il colore si fa meno rossastro e lo stile sembra richiamare quello di Van Dyck.

La mostra sarà visibile anche alla National Gallery di Londra dal 22 Febbraio al 31 Maggio 2020.






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!