Si dice spesso che Amsterdam sia la città più multietnica al mondo (o una tra le top 5 quanto a diverstià). Ma esattamente, cosa vuol dire?

Sul portale Republiekallochtonie ha messo insieme i dati del comune della capitale per costruire una mappa delle comunità che abitano la capitale.
Al 1 ° gennaio 2019, secondo i dati del comune, vivevano ad Amsterdam 862.987 persone. Oltre 8.000 in più rispetto a un anno prima. Le donne sono maggioranza con 435.000 contro i 428.000 uomini.

L’aumento del numero di abitanti è stato leggermente inferiore rispetto agli anni precedenti. Dal 2014 al 2017, l’aumento era stato di oltre 10.000 all’anno.

Meno della metà degli Amsterdammers è composta da olandesi, oltre il 45%. Turchi e marocchini rappresentano le due minoranze con presenza più radicata, contando insieme oltre il 15% della popolazione.

La crescita della popolazione è determinata, principalmente, da migranti occidentali: la maggior parte proviene da UK, Stati Uniti, India, Germania, Italia, Francia ed ex-URSS.

La nazionalità a crescere più in fretta è quella siriana, passata dal 651 nel 2015 al 3659 il 1 ° gennaio 2019 anche se rappresenta appena lo 0,4% della popolazione della capitale. Lo stesso vale per i residenti brasiliani di Amsterdam, che, nonostante la forte crescita, rappresentano ancora solo lo 0,6% della popolazione.

Italiani

Gli italiani residenti ad Amsterdam, secondo i numeri del comune, rappresentano la terza comunità tra gli europei -dopo tedeschi e britannici- e l’11esima in cifre assolute. Gli italiani sono l’1,2% della popolazione della capitale e rappresentano la sesta comunità con crescita più rapida, dopo greci e romeni.