Il giorno dopo il caos sulle autostrade a causa di centinaia di boeren che si sono recati sul trattore ad una protesta nell’est del paese, la polizia sta ancora cercando di identificare i conducenti che hanno infranto la legge, dice NOS.

Inoltre, si stanno valutando gli eventi di ieri e l’operato delle forze dell’ordine: da ciò potrebbe derivare, tra l’altro, la necessità di accordi ancora più stretti con l’organizzazione, afferma un portavoce della polizia.

Molti boeren hanno registrato le targhe, quindi in molti casi la polizia fa affidamento sul materiale registrato dalle telecamere per identificare i trasgressori anche se gli agenti si concentreranno su coloro che hanno causato situazioni pericolose, come sulla A12, dove un trattore e un camion sono rimasti coinvolti in una collisione.

Il capo della polizia Willem Woelders ha dichiarato ieri a Nieuwsuur di non avere l’impressione che la polizia abbia commesso errori. Sottolinea che l’organizzazione con gli agricoltori è stata discussa in anticipo ma le regole sono state poi violate.

In molti hanno criticato il non intervento ma il capo della polizia ha sottolineato che la situazione era troppo pericolosa per fare qualcosa.

In consultazione con i sindaci e il gabinetto, la polizia vuole vedere se l’approccio dovrebbe essere diverso in caso di una nuova protesta.