+31mag Channels

The Netherlands, an outsider's view.

CULTURE

Al via l’edizione 2019 della Notte della Letteratura Europea

In occasione del centenario della biblioteca di Amsterdam, l'evento sarà un'occasione per riflettere sul passato e sul futuro della letteratura.

In occasione del centesimo anniversario della Biblioteca di Amsterdam (OBA), la capitale olandese ha pensato a un evento unico: la Notte della letteratura europea 2019 si svolgerà il 16 e il 17 maggio.

Dodici scrittori e poeti parleranno di bibliotecari, di lettori e degli incontri inaspettati con la narrativa e i suoi protagonisti. Ricorderanno la prima biblioteca che hanno visitato, condividendo con il pubblico il senso di nostalgia per la carta e la polvere, elementi ormai dimenticati in un mondo digitalizzato. Un’occasione di confronto, in cui ci sarà modo di riflettere sul passato e sul futuro della lettura.

L’European Literature Night 2019 è organizzata da EUNIC, la rete di istituti nazionali di cultura europei e organismi nazionali impegnati in attività culturali, ed è stata resa possibile dalla Commissione europea in collaborazione con il Centro di studi europei di Amsterdam.

Tra gli ospiti previsti all’OBA e al De Brakke Grond, spiccano diversi autori internazionali: Andrej Blatnik (Slovenia), Lina Buividavičiūtė (Lithuania), Gandolfo Cascio (Italia), Andrei-Paul Corescu (Romania), Kerem Eksen (Turchia), Almudena Grandes (Spagna ), Delphine Lecompte (Belgio), Jannah Loontjens (Olanda), Jasim Mohamed (Svezia), Marek Šindelka (Repubblica Ceca), Shumona Sinha (Francia), Zoe Strachan (Regno Unito), Felicitas von Lovenberg (Germania).

Proprio con loro, studenti e lettori avranno modo di discutere grazie alla lunga serie di workshops, conferenze e seminari, tutti pensati come opportunità di apprendimento. Per esempio gli appuntamenti delle 20 con “Library Songs”, con Lina Buividavičiūtė, Delphine Lecompte e Gandolfo Cascio” o “The Algorithms of Reading”, con Marek Šindelka, Andrej Blatnik e Felicitas von Lovenberg. Si tratta di attività particolari, in cui si metteranno in discussione gli autori e si imparerà a tradurre le poesie, nel tentativo di sensibilizzare il pubblico ai concetti letterari per una reinterpretazione del passato.

La notte della letteratura Europea vuole essere anche un momento di promozione culturale: non solo permette ai suoi partecipanti di potenziare le proprie abilità, ma anche di ampliare le conoscenze nel contesto umanistico.

Pertanto, per iniziare a familiarizzare con una parte degli autori, segue una parentesi biografica dedicata ad alcuni di loro.

Andrej Blatnik

Andrej Blatnik insegna editoria all’Università di Lubiana. Ha pubblicato nove libri di narrativa e cinque saggistica e ha vinto alcuni importanti premi letterari sloveni. Le sue storie sono state tradotte in oltre 30 lingue e incluse in numerose antologie, tra cui Best Fiction e cortometraggi europei: Five Centuries of Short Short Stories. Nel 2016 è stato insignito del miglior libro slavo di cortometraggi (“Premje Jugra”). Blatnik si è distinto in numerosi festival letterari come PEN World Voices, Toronto Festival, Jaipur Festival e Cosmopolis.

Lina Buividavičiūtė

Lina Buividavičiūtė, nata nel 1986 a Kaunas, è una poetessa lituana. Come critica letteraria Lina lavora alla radio lituana e scrive per numerose riviste letterarie. Insegna anche cinema in una scuola secondaria locale. Lina ha studiato Filologia Lituana e vanta un dottorato nel campo della letteratura lituana. Nel 2017 è stato pubblicato il suo primo libro di poesie, “Sindrome di Helsinki”. Le sue poesie sono pubblicate in numerose riviste culturali lituani e sono tradotte in inglese, greco, ebraico e polacco. La poesia di Lina è piena di inaspettate collisioni, richiami culturali, mitologici e teologici, spesso trasformati in provocazioni.

Gandolfo Cascio

Nato in Germania (Norimberga 1974), è cresciuto in Italia e risiede in Olanda, dove insegna Letteratura italiana all’Università di Utrecht. Come molti della sua generazione, sebbene si senta fortemente attaccato alla propria cultura, considera l’Europa come la sua casa. Come poeta, ha pubblicato Admeto (Mobydick, 2005), “Il ragazzo bello / Ik Bemin” (Serena Libri, 2009 en 2010) e sta attualmente lavorando alla sua nuova collezione, intitolata “Giovenzio”. Le sue poesie sono state tradotte in inglese, olandese e sloveno. Il suo lavoro, che si distingue per la semplicità e l’armonia della scrittura, intende recuperare il valore estetico della bellezza senza compromessi. Sulla scia del tema di quest’anno, Gandolfo Cascio illustrerà la sua personale biblioteca poetica e la sua attenzione a scrittori come Catullo, Dante, Frank O’Hara, Morrissey e, naturalmente, i suoi versi.


31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news, reportage e video inediti in italiano.
Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

Recharge us!