La ministra Kaag pensa che i Paesi Bassi non possano evacuare dall’Afghanistan tutte le persone che il governo vorrebbe: gli elenchi di chi ha titolo si stanno allungando e ci sono molti più olandesi in Afghanistan di quanto si sapesse e anche di quanto si potesse supporre.

“Per anni c’è stato un consiglio di viaggio molto severo e negativo per andare in Afghanistan”, ha sottolineato a NOS e secondo Kaag, nonostante il governo, insieme ai tedeschi e agli inglesi in particolare, stia facendo tutto il possibile “in senso antiorario” per portare quante più persone possibile dall’aeroporto, non riuscirà con tutti.

Kaag ha anche affermato che sta lavorando con altri alleati per accelerare le evacuazioni dall’Afghanistan perché il presidente degli Stati Uniti Biden insiste sulle partenze militari statunitensi dopo tale data. Il governo sta discutendo con gli alleati come continuare a fornire assistenza dopo il 31 agosto.

Secondo Kaag, i Paesi Bassi hanno finora evacuato 1.200 persone dall’Afghanistan. “Siamo riusciti anche a portare un gran numero di persone all’aeroporto in autobus, ma con molti problemi”, ha chiarito il ministro.


Sia Bijleveld che Kaag hanno preso le distanze dai manifestanti che ieri hanno protestato contro l’arrivo di centinaia di profughi al campo militare di De Harskamp. “È terribile. Queste persone dovrebbero guardare la TV una volta per vedere cosa sta succedendo in altre parti del mondo e quanto dovrebbero essere felici che siamo liberi qui”, ha detto Bijleveld.