Cora van Nieuwenhuizen, ministro delle infrastrutture, ambisce alla carica di Primo Ministro quando Mark Rutte cesserà dall’incarico. Se accadesse, diverrebbe la prima donna olandese a ricoprire tale carica.

“Sarebbe sicuramente bello” dichiara la 56enne a Elsevier. Se non dovesse farcela, le piacerebbe essere la prima ministra delle finanze del paese.

Van Nieuwenhuizen si dice dalla parte della “maggioranza silenziosa” e  si oppone agli attivisti che protestano per il trasporto aereo: “Parlano di una vergogna volante, ma non sanno nemmeno cosa vuol dire?”

La questione dell’aviazione è un punto centrale nel discorso della ministra: “ Gli avversari di Lelystad e Schiphol affermano di non avere problemi. La minoranza viene ascoltata, la maggioranza no.” 

Il ministro parla anche della tassa sulle automobile. Secondo lei è sbagliato tassare gli automobilisti per i chilometri guidati e dice a Elsevier. “La guida dev’essere accessibile a tutti, anche a chi non si può permettere un’auto elettrica.”

Van Nieuwenhuizen è l’unica ministra donna del terzo governo Rutte, in carica dal 2017. Tra il 2010 e il 2014 è stata parlamentare. Tra il 2014 al 2017, membra del Parlamento Europeo.