The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

REFERENDUM COSTITUZIONALE

“La fine dello ‘sloper’ (rottamatore)”, “Un no al referendum è un no all’Europa”. Cosa dice la stampa olandese del referendum

L'Olanda osserva l'esito del voto in Italia, con grande preoccupazione per il futuro della terza economia europea



“Perchè gli italiani hanno bocciato il referendum che avrebbe offerto più stabilità al Paese? Perchè il premier Renzi ha voluto, con il referendum, anche un voto sul governo. L’Italia deve trovare una soluzione politica, dice il corrispondende da Roma di NOS, Rop Zoutberg commentando per la tv olandese la pesante sconfitta incassata da Matteo Renzi. E Arjan Noorlander aggiunge da Brussels, “Un no al referendum è visto qui come un no all’Europa”.

renzi

Apertura del portale NOS

Il Volkskrant, con un editoriale a firma di Koen Haegens, si chiede se l’effetto valanga del referendum italiano, non possa significare la fine dell’euro. “L’Italia è il grande malato dell’euro zona”, prosegue Haegens aggiungendo come il sistema bancario italiano sia sull’orlo del collasso. Ventilando lo scenario di un possibile governo 5stelle che potrebbe determinare, la fine dell’euro. Questione spinosa anche la vicenda Monte dei Paschi di Siena, scrive ancora il Volkskrant, il cui salvataggio sarebbe messo a rischio dalle conseguenze politiche che potrebbe avere la sconfitta del si.

screen-shot-2016-12-04-at-23-39-21

Volkskrant

“Renzi si assume la responsabilità della pesante sconfitta e rassegna le dimissioni”, titola il quotidiano finanziario FD mentre il Trouw, apre con: “Il premier Matteo Renzi ha annunciato che rassegnerà le dimissioni”. Secondo Pauline Barb, “il referendum doveva essere una modifica alla Carta ma si è tramutato in un voto sul 41enne premier. E gli italiani hanno detto che non lo vogliono più alla guida del governo”. L’opinionista del Trouw prevede la fine politica di Matteo Renzi: “A questo punto è incerta anche la sua permanenza come leader del Partito Democratico” prosegue, sottolineando le ostilità contro di lui da parte della vecchia guardia proveniente dal Partito Comunista.

Ancora il Volkskrant, che si è occupato in maniera ampia del referendum italiano:  “basta un sì – een ja is genoeg” ha detto Matteo Renzi agli italiani che non lo hanno voluto ascoltare. Una sconfitta per ‘De Sloper’ (il rottamatore) e soprattutto uno stop all’abolizione della seconda camera che, puntualizza il quotidiano di Amsterdam, ha molti poteri [n.d.r. molti più poteri di quella olandese] . Una nota anche sul voto: secondo il Volkskrant, gli italiani non sarebbero contrari a riformare la Costituzione, come dimostrato due anni fa da un 70% a sostegno del cambiamento, ma sarebbe stata l’eccessiva personalizzazione impressa dal premier al voto, a determinare il passo indietro di molti.

 

 






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!