Una donna musulmana che ha rifiutato di rimuovere il suo niqab durante la formazione per trovare un lavoro ha avuto i suoi benefici ridotti del 30%, ha detto il giudice amministrativo olandese martedì.

La donna, che da allora si è trasferita in Inghilterra, ha rifiutato di rimuovere l’indumento che ha lascia solo gli occhi esposti. Il consiglio comunale di Utrecht, incaricato di aiutare i lavoratori a trovare lavoro, ha ridotto i benefici sociali, sostenendo che il niqab riducesse notevolmente le possibilità di trovare lavoro.

“Un volto scoperto è un fattore importante nel contatto tra le persone ed è essenziale per trovare lavoro”, ha dichiarato il giudice nella sua sentenza.

Mentre la donna ha il diritto di indossare un niqab sotto la legislazione della libertà religiosa, l’interesse dell’ufficio per aiutarla a trovare un lavoro il più rapidamente possibile è più importante, ha detto la corte. Inoltre, il suo rifiuto di rimuovere il niqab stava generando inutilmente tensioni all’interno dell’ufficio.

Ciò significa che le istituzioni hanno diritto di ostacolare i diritti religiosi, ha concluso la corte.