Il VVD è in difficoltà per la polemica sulla consigliera Soumaya Sahla, che è stata condannata in passato per possesso illegale di armi e appartenenza a un’organizzazione terroristica. Il presidente del partito VVD Hermans ha dichiarato domenica nel programma televisivo WNL di essere rimasta con una “sensazione di disagio” dopo il dibattito sulla dichiarazione del governo. “È nostra responsabilità pensarci”, dice NOS.

Nel dibattito sulla dichiarazione del governo lo scorso martedì e mercoledì, il leader del PVV Wilders ha chiesto perché il VVD debba assumere un ex membro del gruppo Hofstad, come consigliere. Sahla, ora presidente del tavolo per terrorismo e radicalizzazione al VVD, è stata condannata nel 2014 come membro del gruppo Hofstad per possesso illegale di armi e appartenenza a un’organizzazione terroristica.

Wilders è furioso, dice NOS, perché era sulla lista dei politici da eliminare, redatta da questa organizzazione terroristica.

Rutte ha quindi risposto che Sahla non era un membro del VVD e non ha un pass per la Kamer.