The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

ART

La collezione di “oro scita” rimane temporaneamente in Olanda

Il verdetto della Corte di Appello di Amsterdam slitta di sei-nove mesi. La collezione di oro Scita per adesso non tornerà in Crimea.



Ieri 16 luglio la Corte di Appello di Amsterdam avrebbe dovuto pronunciarsi sulla restituzione del cosiddetto “oro scita” alla Crimea ma il verdetto è slittato di 6 – 9 mesi.

Nel 2013, quando la Crimea era ancora parte dell’Ucraina, quattro musei crimeani inviarono i migliori esemplari della loro collezione a Bonn e ad Amsterdam per una mostra intitolata “Crimea: l’isola d’oro del Mar Nero”.

L’esposizione al museo archeologico di Amsterdam Allard Pierson Museum avrebbe dovuto concludersi prima il 28 maggio 2014, poi è stata estesa al 31 agosto.

Nel marzo 2014 le autorità ucraine, che non hanno riconosciuto l’annessione della Crimea alla Russia, hanno rivendicato la proprietà e la restituzione delle opere esposte ad Amsterdam. La Crimea ha minacciato di considerare un’eventuale mossa del genere come atto ostile nei propri confronti.

Il 19 novembre 2014 i quattro musei hanno intrapreso una class action al tribunale di Amsterdam, chiedendo alle autorità olandesi la restituzione della collezione dorata. Il gennaio seguente si è unito al procedimento giudiziario anche il Ministro della Cultura ucraino.

Dopo aver ascoltato le argomentazioni della parte russa e di quella ucraina, ad ottobre 2016 il tribunale di Amsterdam riesamina per la prima volta il caso. Il 14 dicembre decide che la collezione debba essere restituita a Kiev. A gennaio 2017 i musei crimeani citano in appello la decisione del tribunale olandese e cambiano i loro avvocati.

Il processo inizia ufficialmente l’11 marzo 2019 ad Amsterdam.

Un avvocato ucraino afferma che Kiev rifiuta qualsiasi possibile compromesso con i musei crimeani sul possesso della collezione dorata.

Per il Ministro della Cultura russo sono state violate le norme giuridiche internazionali e i principi di scambio tra musei. I reperti devono tornare in Crimea, dove sono stati scoperti e conservati per decenni.






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!