I nuovi requisiti patrimoniali per le banche, noti come Basilea 4, avranno un impatto importante sul settore dei servizi finanziari olandesi, ha detto il Volkskrant.

La banca centrale europea ha dichiarato giovedì che l’accordo è stato rivisto in maniera restrittiva, rispetto a quello di Basilea 3, uno schema post-crisi messo in piedi dal Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria.

Con Basilea 4, scrive il quotidiano Volkskrant, alla banca centrale olandese e alle banche olandesi nel loro insieme mancano € 14 miliardi per allinearsi con lo standard richiesto dalla nuova regolamentazione. Ciò sta a significare che le banche dovranno pesare di più i rischi e ciò avrà un impatto importante sui parametri per la concessione dei mutui.

Il risultato più immediato sarà probabilmente, scrive il quotidiano di Amsterdam, una riduzione nell’importo concesso dagli istituti: ad oggi in Olanda il loan-to-value (LTV) il parametro utilizzato per misurare il tasso dei mutui è tra i più generosi d’Europa con la possibilità di accedere al valore intero degli immobili.

In nuovi parametri avranno un effetto graduale e la loro implementazione avverà su un arco di 5 anni.