NL

NL

#kweetnie il governo lancia un sito per aiutare gli adolescenti al “coming-out”: è ok essere incerti del proprio orientamento sessuale

Il sottosegretario alla sanità Paul Blokhuis vuole rompere il tabù tra i giovani a proposito del loro orientamento sessuale. Per fare ciò, il ministero ha lanciato un hashtag e un sito Web in cui i bambini incerti sulla loro identità sessuale possono discuterne con altre persone della comunità LGBTIQ.

I giovani che pensano di essere gay, lesbiche, bisessuali, non binari o transgender hanno da quattro a cinque volte più probabilità di considerare il suicidio rispetto ai loro coetanei eterosessuali. È quindi molto importante parlarne e assicurarsi che i bambini capiscano che essere incerti è ok, ha detto il sottosegretario nell’ambito della giornata del “coming-out”.

“Parlando della tua scoperta e delle incertezze mentre scopri il tuo orientamento sessuale, possiamo salvare delle vite. I giovani che scoprono che potrebbero non essere eterosessuali possono sentirsi persi. Possiamo rendere più facile per loro la ricerca del loro orientamento parlando”, ha detto Blokhuis. “In questo modo chi facesse pensieri suicidi potrebbe essere aiutato con la massima tempestività”.

 

Con l’hashtag #kweetnie (non lo so) – Blokhuis vuole raggiungere i giovani sui social media con il messaggio che dubitare del proprio orientamento sessuale è ok. Usando quell’hashtag, influencer come Jessie Maya e Rutger Vink racconteranno la loro storia e parleranno ai giovani di come va bene capire ancora chi sei e cosa stai provando.

Il sito sull’orientamento sessuale è stato anche aggiornato con storie personali su come è cercare il tuo orientamento sessuale. Su questa piattaforma, i giovani possono condividere le loro esperienze in modo anonimo, senza timore di essere giudicati. Il sito contiene anche suggerimenti, informazioni e storie di altre persone della comunità LGBTQ, per aiutare i giovani a riconoscere e accettare se stessi per quello che sono e rendersi conto di non essere soli.

Il sito  contiene anche una sezione per i genitori, in cui possono trovare suggerimenti su come iniziare una conversazione con i loro figli e sostenerli.

SHARE

Altri articoli