Fino a venerdì verranno cancellati in media quindici voli al giorno a Schiphol. Nel fine settimana probabilmente di più, dice NU. Per il periodo successivo, la compagnia aerea sta ancora valutando quanti voli dovranno essere riprenotati.

KLM ha anche dovuto cancellare molti voli negli ultimi giorni. Ad esempio, sabato erano 34 e domenica addirittura 42. “L’obiettivo è e rimane lasciare che tutti partano”, ha riferito un portavoce.

La compagnia aerea cancella i voli su richiesta di Schiphol: l’aeroporto ha un grave problema a causa della carenza di security. E la fila era talmente lunga che alcuniviaggiatori hanno persino dovuto aspettare fuori dalla sala partenze la scorsa settimana.

Schiphol ha quindi chiesto alle compagnie aeree di ridurre il numero di passeggeri in partenza al giorno, in media del 18% almeno fino alla fine di ottobre. Questo vale per tutte le compagnie aeree, ma KLM è di gran lunga il più grande attore di Schiphol e quindi quello maggiormente colpito dalla misura.

KLM sta ancora studiando come l’azienda può ridurre il numero di viaggiatori per le prossime settimane: vendere meno biglietti e cambiare la prenotazione dei passeggeri sono soluzioni possibili. Transavia rimane al di sotto del massimo imposto perché ha una vendita di biglietti notevolmente limitata negli ultimi giorni, quindi non dovra’ cancellare i voli.