L’anno scorso la città di Izegem nelle Fiandre occidentali ha deciso di commissionare un monumento per commemorare la pandemia. Il lavoro è stato affidato allo scultore locale Piet Duthoit. Oggi la scultura è terminata ma la cerimonia di inaugurazione ha dovuto essere rimandata a causa della nuova ondata di Covid.

“Non vogliamo che qualcuno venga infettato in un evento che dovrebbe sottolineare l’enorme impatto che ha avuto la pandemia” dice l’assessore Kurt Himpe.

Anche se fossero osservate tutte le misure precauzionali, Covid Safe Ticket e mascherine, i cittadini della città di Izegem non si sentirebbero ancora abbastanza sicuri.

“Non si sa quante persone parteciperebbero” dice l’assessore Himpe. “Preferiamo aspettare piuttosto che vedere grandi folle e la necessità di prendere misure di sicurezza invasive per tenere tutti al sicuro”.

Lo scultore Piet Duthoit ha utilizzato la pietra blu per creare la sua opera che simboleggia “la sensazione di essere tenuti prigionieri“. Oggi l’opera di Duthoit si trova ancora nel suo studio, ma alla fine sarà spostata nel castello Blauwhuis, un parco frequentato da molti degli abitanti di Izegem durante la pandemia.

CoverPic@Foroa, Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0, via Wikimedia