Il 5 giugno, l’Europol ha lanciato il nuovo Centro europeo per il crimine finanziario ed economico (EFECC). Il Centro migliorerà il sostegno operativo fornito agli Stati membri dell’UE e agli organi dell’UE nei settori della criminalità finanziaria ed economica e promuoverà l’uso sistematico delle indagini finanziarie. Il nuovo EFECC è stato istituito all’interno dell’Europol che sta già svolgendo un ruolo importante nella risposta europea alla criminalità finanziaria ed economica e sarà composto da 65 esperti e analisti internazionali.

I crimini economici e finanziari rappresentano una minaccia estremamente complessa e significativa che colpisce ogni anno milioni di singoli cittadini e aziende nell’UE. Inoltre il riciclaggio di denaro e le finanze criminali sono i motori del crimine organizzato, senza cui i criminali non sarebbero in grado di utilizzarne i profitti. Secondo precedenti rapporti di Europol, il 98,9% dei profitti criminali stimati non viene confiscato e rimane a disposizione dei criminali.

Inoltre, la pandemia di COVID-19 in Europa ha fornito ampie prove del fatto che i criminali sono pronti a mutare i loro piani per sfruttare le paure e le vulnerabilità. Stimoli economici come quelli proposti per risollevare l’economia post-pandemia saranno presi di mira dai criminali che cercano di frodare i finanziamenti pubblici. Per interrompere e dissuadere efficacemente i criminali coinvolti in reati gravi e organizzati, le autorità devono seguire la pista del denaro come parte normale delle loro indagini penali con l’obiettivo di sequestrare i profitti criminali.

Catherine De Bolle, il direttore esecutivo di Europol, ha detto: “La criminalità economica e finanziaria, come vari tipi di frode, riciclaggio di denaro, criminalità sulla proprietà intellettuale e contraffazione di valuta, è particolarmente minacciosa durante i periodi di crisi economica.” L’EFECC è stato creato per rafforzare la capacità di Europol di aiutare gli Stati Membri nella lotta alla criminalità organizzata. “L’EFECC fungerà da piattaforma e cassetta degli attrezzi per gli investigatori finanziari in tutta Europa. Non vediamo l’ora di stringere collaborazioni durature con loro e combattere insieme la criminalità economica e finanziaria.” conclude De Bolle.