The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Israele/Palestina: non spetta all’ONU sensibilizzare le imprese sui diritti umani, Olanda furiosa per la lista della vergogna



I Paesi Bassi hanno criticato il rapporto presentato dal Comitato diritti umani dell’ONU perchè il “name and shame” non sarebbe compito delle Nazioni Unite, ha detto un portavoce del governo a NOS. Secondo il governo olandese, l’esecutivo già scoraggia le aziende dall’investire negli insediamenti israeliani nei territori contesti e questo sarebbe sufficiente.

L’elenco comprende 112 società e tra queste, l’Olanda -con 4 aziende- è ampiamente sovrarappresentata rispetto ad altri paesi; gran parte delle società, infatti, sono israeliane. Secondo le Nazioni Unite, vi sono fondati motivi per concludere che queste società sono state coinvolte in attività proibite dalla risoluzione 31/36 del Consiglio per i diritti umani.

Il rapporto del Comitato ONU non produrrà conseguenze pratiche immediate ma l’impatto politico potrebbe essere negativo per Israele. Secondo il Ministero degli Affari Esteri, non è compito delle Nazioni Unite sensibilizzare le imprese alla responsabilità sociale; quel lavoro spetta ai Paesi stessi – motivo per cui i Paesi Bassi già scoraggiano le aziende dall’investire in insediamenti israeliani, dice il ministro. I Paesi Bassi considerano l’elenco un esempio di attenzione eccessiva e unilaterale su Israele.

Il ministro degli Esteri Stef Blok chiarirà al Consiglio di Ginevra che l’Olanda non concorda con questo atteggiamento unilaterale “sproporzionato”, ha detto il portavoce dell’esecutivo. 






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!