The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Isole Caraibiche, per l’Olanda le riforme non basteranno

Secondo gli esperti del governo olandese, Curaçao, Aruba e Sint Maarten non hanno proposto delle misure sufficienti per una reale ripresa. Le riforme non dovrebbero limitarsi solo a ridurre il servizio civile e alla ristrutturazione della spesa pubblica. Piuttosto, dovrebbero stimolare l’economia atte a rafforzare la sanità, l’istruzione e il rispetto della legge. 

Senza di esse, gli esperti del governo olandese prevedono una caduta degli standard di vita in quei paesi. Ciò comporterebbe la continua dipendenza di Curaçao, Aruba e Sint Maarten dagli aiuti finanziari de L’Aia e l’emigrazione verso i Paesi Bassi aumenterebbe.

Secondo Curaçao Chronicle ciò spiegherebbe perché i Paesi Bassi vogliono investire oltre un miliardo di euro nei paesi CAS (Curaçao, Aruba e St. Maarten).

I soldi consisterebbero in una combinazione di prestiti (parzialmente da restituire in seguito), regali e offerta di competenze e potere di attuazione. L’intera operazione sarà sotto la supervisione di una cosiddetta Entità per le Riforme dei Caraibi, gestita dai Paesi Bassi.

I governi e i parlamenti CAS sono scontenti dell’approccio olandese. Sono, in particolare, critici sulla procedura e non sul contenuto dei piani di riforma. I primi ministri Rhuggenaath e Wever-Croes si sono recati nei Paesi Bassi per rafforzare le loro obiezioni nel Consiglio dei ministri del Regno.