NL

NL

Inquilini precari, norme draconiane e zero diritti: ecco la democrazia dell’anti-kraak

Pimvantend, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

C’erano un tempo gli squat, in olandese kraak, e poi sono arrivati gli anti-squat, gli anti-kraak, ossia una maniera di evitare che un edificio rimasto vuoto venga occupato consegnandolo ad un’agenzia ad hoc, con il compito di trovare “occupanti legali” che custodiscano l’edificio in attesa che il proprietario ne decida la sorte. In Olanda gli inquilini, a qualunque titolo risiedano in un immobile, godono di molte tutele. Anche gli occupanti: benchè dal 2010 sia reato occupare uno stabile rimasto vuoto, gli “squatters” devono essere trascinati in tribunale e il proprietario deve mostrare alla corte di avere piani concreti per lo stabile.

E così, negli ultimi 10 anni, le società di “anti-squat” sono spuntate come funghi, trasformando un’attività marginale fino a poco tempo fa, nell’unica possibilità concreta di trovare alloggi immediati e legali a poco prezzo, in un mercato immobiliare -come quello olandese- sempre più strozzato da costi stellari e carenza di offerta.

Il portale Follow The Money ha realizzato un’inchiesta dove analizza la vera natura degli anti-kraak: pubblicizzati come una soluzione “hip” per chi ha un budget limitato, sono in realtà una forma di sfruttamento che ha aggravato la situazione del mercato, introducendo un sistema al limite dell…

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli