Donald Trung Quoc Don (Chữ Hán: 徵國單) – Wikimedia Commons.(Want to use this image?), CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Quest’anno, i grossisti olandesi compenseranno ampiamente le perdite subite nel 2020, secondo quanto si aspettano gli economisti di ING. Dopo la contrazione del fatturato del 3.4% dello scorso anno, ING prevede una crescita del 5% del settore nel 2021. Secondo la banca, il commercio all’ingrosso tornerà presto ad essere la forza trainante della crescita economica.

Nel 2020, i grossisti hanno subito perdite in seguito alla chiusura delle catene di fornitura, che ha causato una riduzione nella domanda di molti prodotti. Tuttavia, ci sono state delle eccezioni in alcuni segmenti del settore. I grossisti agricoli, ad esempio, hanno ottenuto una crescita considerevole. Altri invece hanno subito una diminuzione del fatturato, come nel caso dei commercianti di materie prime.

Tuttavia, quest’anno gli economisti si aspettano un miglioramento della situazione. “Anche se rimane incertezza riguardo alle misure restrittive e all’evolversi della pandemia, l’ottimismo primeggia: il commercio mondiale si è ripreso e le economie si stanno gradualmente riaprendo”.

Ai commercianti di materie prime come petrolio, metalli e prodotti chimici aspetta una grande annata, scrive ING. I prezzi del petrolio sono risaliti dall’inizio del 2021 e la banca prevede un’ulteriore crescita nella restante parte dell’anno. Dopo una perdita di quasi il 16%, questo segmento del commercio all’ingrosso potrebbe crescere del 20%, affermano gli economisti.