The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

ING: calo del 40% nei profitti, ma la banca può gestire la crisi

A causa del coronavirus, i profitti di ING hanno subito un calo del 40 percento. Nel primo trimestre di quest’anno, la banca olandese ha realizzato profitti per 670 milioni di euro, rispetto a 1,1 miliardi di euro nello stesso periodo dell’anno scorso. “Come banca globale, siamo colpiti in diversi modi, incluso l’impatto dell’epidemia sui nostri clienti, dipendenti e comunità in cui operiamo”, ha dichiarato il CEO Ralph Hamers, riferisce NOS.

Questo calo degli utili può essere in gran parte attribuito al denaro extra che la banca ha messo da parte per prestiti a società che potrebbero non essere rimborsate. Ad esempio, ING ha prestato denaro a compagnie petrolifere americane e il prezzo del petrolio negli Stati Uniti è ora così basso che le compagnie potrebbero crollare. Il denaro è stato anche messo da parte per coprire i prestiti ai negozi olandesi e belgi che potrebbero riscontrare problemi finanziari.

In più paesi, ING ha prorogato la scadenze per il pagamento dei prestiti a oltre 100 mila clienti a causa della crisi. La banca ha dovuto stanziare 661 milioni di euro per prestiti a società che potrebbero non essere rimborsati, rispetto ai 207 milioni di euro del primo trimestre dell’anno scorso. L’incertezza sul mercato mondiale è alta. “Non sai quale scenario verrà fuori”, ha detto Hamers a NOS. “Questo è il problema di questa crisi. Questo è il problema dei nostri clienti, e con quello il nostro problema. Il distanziamento sociale è qui per restare. Anche se esci dal lockdown e i settori ricominciano a lavorare, ci vorrà molto tempo prima che ci sia il recupero “.

Nonostante l’incertezza, Hamers è convinto che ING possa resistere a questa tempesta. Gli utili sufficienti sono ancora realizzati nella maggior parte delle attività della banca, ha detto. “Questa è la prima linea di difesa. Ne avete bisogno per assorbire i costi del rischio. Inoltre, avete i nostri ammortizzatori. Questo ci pone tra i più alti d’Europa. Possiamo gestire tutto questo anche nel peggiore scenario.” Tuttavia, la banca esaminerà dove è possibile risparmiare sui costi nel prossimo futuro.

Credit Pic: Amin Source: Wikimedia  Licence: Creative Commons Attribution-Share Alike 4.0 International