The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Infrazioni alle norme anti-corona, metà delle multe contiene errori



Secondo quanto riportato dall’ Openbaar Ministerie, circa la metà delle 18.200 multe per infrazioni alle misure anti-coronavirus inflitte fino al 10 maggio non è “completa” ed è stata rimandata indietro alla polizia e ai funzionari delle amministrazioni locali. Le multe sono state ritenute incomplete perché non includono una descrizione adeguata del motivo per cui sono state emesse, mancano i documenti pertinenti o i dettagli personali non sono coerenti, ha riferito il dipartimento.

Fino al 10 maggio, sono state emesse 18.200 multe da addetti alla vigilanza e agenti di polizia – le stime precedenti di 10.000 multe non includevano quelle emesse da vigilanti delle autorità locali. In 7.400 casi il pubblico ministero ha confermato l’ammenda e ordinato il pagamento, il che comporterà un precedente penale per le persone coinvolte. Ulteriori 207 procedimenti penali andranno in tribunale, coinvolgendo principalmente persone che hanno minacciato o attaccato un agente di polizia, un addetto alla vigilanza o un operatore sanitario. La maggior parte delle multe sono state inflitte a persone che hanno infranto le regole di distanziamento sociale o che si diceva facessero parte di un assembramento non autorizzato. Non è ancora chiaro, però, perché le persone vengano multate in quanto parte di un gruppo composto da più di 3 persone.

Il primo ministro Mark Rutte ha dichiarato alla conferenza stampa di martedì che non è mai stato illegale riunirsi in più di tre persone, purché si mantengano 1,5 metri di distanza tra una persona e l’altra. Molte persone, tuttavia, sono state multate perché facenti parte di un gruppo, che alcuni addetti alla vigilanza e agenti di polizia hanno interpretato come un raduno organizzato, considerato una pratica illegale. Le persone che sono state multate in tali circostanze sono state consigliate dai loro legali di portare avanti una protesta formale e di impugnare la multa. Entro il 10 maggio, solo 70 persone lo avevano fatto. La multa è di € 390 per gli adulti di età pari o superiore a 18 anni e di € 95 per gli over 12.

“Sono particolarmente preoccupato per il fatto che una multa comporterà conseguenze penali”, ha detto l’avvocato Frank Janzing a Trouw. “Ciò significa che in futuro potrebbe avere un impatto sulle richieste dei certificati di buona condotta (VOG). Vorrei esortare le persone a protestare per le multe e nella mia esperienza, se vai in tribunale, è improbabile che possa andare peggio”. L’avvocato di Amsterdam Justin Kotter, che sta gestendo circa 100 casi, ha affermato di essere sicuro che le persone che fanno appello abbiano buone possibilità di vincere la causa. “Perché i miei clienti, studenti che vivono insieme e hanno bevuto una birra fuori casa, dovrebbero ricevere una multa senza preavviso mentre una famiglia di cinque persone può passeggiare tranquillamente insieme sul marciapiede? Le regole sono confuse e casuali.”

Nel frattempo, una ricerca condotta dalle commissioni sanitarie locali e dall’istituto di sanità pubblica RIVM mostra che un numero piuttosto basso di persone si attiene rigorosamente alle norme di distanziamento sociale, in particolare quando si visita amici e parenti.






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!