The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Infermiere senza qualifiche al lavoro in ospedale, arrestato

pic source: pixabay

Un uomo di 24 anni è stato arrestato all’Ospedale Jeroen Bosch di Den Bosch dove lavorava come infermiere senza avere le qualifiche per farlo. “L’indagato ha monitorato i pazienti e probabilmente ha somministrato loro farmaci senza avere le qualifiche per eseguire queste azioni”, ha dichiarato giovedì il Pubblico Ministero. L’uomo è in custodia per sospetto di frode, falsificazione e furto.

Al culmine della crisi del coronavirus, il governo aveva allentato alcuni dei requisiti per gli operatori sanitari per rendere più facile ai lavoratori di dare una mano durante la crisi. L’uomo avrebbe abusato dell’allentamento per ottenere una posizione all’ospedale Jeroen Bosch, ha detto a Omroep Brabant un portavoce dell’ospedale. “Dalle prove sembrava inizialmente che avesse conoscenze e abilità sufficienti” ha detto l’ospedale. Quando l’uomo non è stato in grado di fornire all’ospedale i suoi diplomi dopo ripetute insistenze, e quando i dipendenti dell’ospedale hanno sollevato dubbi sui suoi requisiti, l’ospedale lo ha fatto allontanare e denunciato alle autorità.

L’uomo è stato arrestato il 18 maggio. La polizia ha perquisito una scatola di immagazzinaggio registrata a Den Bosch e una casa a Bunnik dove alloggiava temporaneamente. Gli agenti hanno trovato numerosi prodotti medici, tra cui medicine, aghi, vari tipi di uniformi, abbigliamento aziendale e un monitor cardiaco. “La polizia sta indagando su come abbia ottenuto queste cose e a che scopo le abbia usate”, ha detto il Pubblico Ministero.

L’ospedale sta attualmente indagando per capire se l’uomo abbia causato danni. “Vorremmo sottolineare che la procedura standard per l’assunzione del personale sanitario presso l’ospedale Jeroen Bosch è molto accurata e meticolosa. Sfortunatamente, in questo caso, una persona ha abusato della situazione in questo momento particolare. Siamo scioccati da questa situazione, soprattutto dall’inganno in tempi in cui la continuità delle cure è più importante che mai”, ha affermato l’ospedale.

Il sospetto è stato accusato il 22 maggio e messo in custodia per due settimane. Apparirà in tribunale giovedì.