The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Industria turistica contro consigli di viaggio negativi: esagerati. I viaggi non influiscono sul Covid

L’industria turistica è immorale, hanno detto in molti, criticando la decisione di ANVR, l’associazione che riunisce i tour operator olandesi e che ha deciso di ignorare le indicazioni del governo olandese e di OMT che sconsigliano le vacanze. Frank Oostdam, presidente ANVR, ignora le critiche:  “I dati mostrano che i viaggi hanno un impatto minimo sui contagi” ha detto il direttore Oostdam. “Quindi il consiglio OMT è esagerato.”

Secondo molti, la posizione di ANVR è moralmente inaccettabile, dice De Volkskrant. ‘Il nostro principio guida è che non importa dove ti trovi, ma come ti comporti. Io, ora preferirei essere alle Isole Canarie con tassi di contagio molto più bassi rispetto ai Paesi Bassi. Sarebbe moralmente riprovevole se mandassimo i nostri clienti ovunque ma il volo contribuisce solo per lo 0,1% al numero di infezioni, gli hotel per il 2,5%. Non è niente e non c’è nessun allarme”.

ANVR non sente alcuna responsabilità sociale: “codice giallo vuol dire che si può viaggiare. Arancione che si può solo per i viaggi necessari”, quindi non ci sarebbero veri e propri stop.

Perchè, ad esempio, non prendersela con Ryanair che vola ancora in zone codice-rosso, dice ANVR. “Se il governo facesse suo il consiglio OMT, non saboteremo le cose ”.

Per Oostdam, le vacanze di Natale dovrebbero essere fatte: “Qual è la differenza con le code a Efteling? Allora perché non dovrei essere autorizzato a trascorrere una vacanza alle Isole Canarie nel rispetto delle regole Covid? Cosa lo rende moralmente irresponsabile?”. Molti hanno trovato le parole “furioso” e “indigesto” usate nel comunicato stampa fuori luogo; e perchè mai, si chiede Oostdam “Anche le dichiarazioni del settore della ristorazione erano chiare, solide e chiare. Il consiglio negativo dell’OMT è stato un duro colpo per noi, ha dimostrato che il nostro settore non viene ascoltato abbastanza. Sfortunatamente, devi arrenderti. L’industria dei viaggi viene colpita a morte. In effetti, siamo chiusi da sette mesi, le perdite sono enormi”.

‘Nel 2020, ci aspettavamo di realizzare un fatturato di 10 miliardi di euro con le società affiliate ANVR. Ora arriviamo a 1 o 1,5 miliardi, più dell’80% in meno rispetto al 2019″, dice il presidente dei tour operator. “Abbiamo diritto di essere arrabbiati?”

La categoria vuole i test rapidi negli aeroporti e chiede a RIVM di non “sabotarli”.