CoverPic@Wikimedia Commons

In risposta al manifesto per Liberazione distribuito da Forum voor Democratie, il Centro d’Informazione e Documentazione Israeliano (CIDI) ha invitato la Tweede Kamer a visitare Auschwitz. Il manifesto paragona le misure adottate per arginare il coronavirus alla seconda guerra mondiale.

La direttrice del Cidi, Hanna Luden ha scritto una lettera al presidente della Tweede Kamer, Vera Bergkamp (D66), a seguito di un’azione inappropriata del FvD, che banalizza la sofferenza delle vittime della seconda guerra mondiale e la usa impropriamente per il proprio guadagno politico. Secondo Luden, ciò mostra una preoccupante mancanza di consapevolezza storica.

Il manifesto, che il FvD ha pubblicato sui social media domenica scorsa, ha suscitato molto scalpore a l’Aia. Diversi presidenti di partito hanno espresso la loro indignazione per il manifesto, che è stato firmato anche da organizzazioni come Virus waarheid (“La Verità sul virus”) e Nederland in Verzet (“Paesi Bassi nella Resistenza”). “Il 5 maggio commemoriamo 75 anni di libertà“, si legge nel manifesto; “1945-2020” – il 2020 è preceduto da una croce.

L’ex presidentessa della Camera, Khadija Arib, aveva annunciato, alla fine del 2019, una visita ad Auschwitz per i membri della Tweede Kamer, in vista dei 75 anni dalla liberazione, ma in parte a causa del covid, non è ancora avvenuta.

Bergkamp ha annunciato lunedì che si rammarica che la visita non sia stata possibile. “Non appena la situazione lo permetterà, ripresenterò la proposta alla Camera per vedere se e come possiamo organizzare una visita ad Auschwitz. Come presidente, considero di grande importanza alla commemorazione e al ricordo. La libertà e la democrazia sono legate indissolubilmente ed è importante comprendere, apprezzare e diffondere il significato e il valore della libertà”.

Secondo Luden, il manifesto del FvD non rappresenta un caso isolato, e sempre più gruppi pensano che sia accettabile fare paragoni con l’Olocausto. Secondo il CIDI, una visita ad Auschwitz da parte dei deputati sarebbe “un segnale importante per la società”.