Il costo degli affitti nella capitale supera del 70% la media nazionale, lo rivela uno studio del gruppo di agenzie immobiliari NVM. La situazione è nota da tempo ai residenti di Amsterdam in cerca di un alloggio, ma l’indagine si sofferma su un altro elemento: il ‘sorpasso’ del costo di un affitto rispetto al mutuo.

Dal 2013, dice infatti la ricerca, acquistare è di gran lunga più conveniente: il costo medio di un affitto nel vrij sector, ossia nella fascia che supera i 710e al mese, è infatti ad Amsterdam di circa 1500e al mese, mentre su base nazionale è di 1000e. Seguono Den Haag e l’area urbana di Utrecht ma ben staccate dalla capitale; nei due centri, infatti, il costo medio per un alloggio è rispettivamente di +40% e +37%. Solo nella regione di Groningen, un appartamento costa il 22% in meno della media.

Le considerazioni dello studio, pur commissionato da un gruppo di agenzie immobiliari, ricalcano le preoccupazioni degli inquilini: la carenza di alloggi è la causa principale della situazione esplosiva che sta danneggiando, e continuerà a danneggiare tanto chi è in cerca di casa, quanto il mercato.

Nell’area di Amsterdam, lo stock di alloggi nel settore libero è di 325mila unità -dice ancora la ricerca- offerti ad un prezzo medio di 1500e al mese. Ciò significa che, al di fuori delle case popolari e della scarsa offerta nel settore privato controllato, rimane sul mercato libero appena 1 appartamento su 20.