Incidente MH17: al processo parlano le famiglie delle vittime

Circa 90 membri delle famiglie delle persone che sono morte nell’incidente che ha coinvolto il volo MH17 in Ucraina nel 2014, parleranno al processo contro i quattro uomini coinvolti nell’abbattimento del volo di Malaysia Airlines.

Alcuni parenti saranno presenti nell’aula del tribunale e faranno degli interventi durante il processo. Ci saranno anche nelle connessioni video per i parenti all’estero che non potranno venire in Olanda. Centinaia di altre persone hanno scritto dichiarazioni da aggiungere al dossier penale e da leggere in tribunale. Alcuni mostreranno foto e video dei propri cari o porteranno un oggetto personale per rafforzare le proprie dichiarazioni. Ed è stata la corte stessa ad autorizzare tutto ciò.

“Molti parenti pensano che sia l’ultima cosa che possono fare per i propri cari”, afferma l’avvocato Arlette Schinjns a NOS. Il suo studio legale rappresenta 150 parenti. “Credano che la corte e il resto del mondo debbano conoscere l’impatto che questo disastro ha avuto.”

Victim Support Netherlands ha aiutato le famiglie a scrivere alcune dichiarazioni e un impiegato parlerà persino per conto di alcuni parenti in Australia e in Nuova Zelanda che non sono potuti venire in Olanda per varie ragioni, tra cui il lockdown che ancora persiste in molti paesi.

SHARE

Altri articoli