Centinaia di prodotti vengono venduti nei negozi olandesi come  biologici ma in realtà provengono da aziende agricole che violano regolarmente le norme sul welfare animale, sull’uso di pesticidi e sull’ambiente, ha detto oggi RTL Nieuws.

220 agricoltori che producono uova, miele e prodotti caseari, venduti ed etichettati come biologici non soddisfano gli standard, ha affermato RTL.

Le conclusioni riguardano 1.500 rapporti di ispezione visionati dal canale televisivo. I documenti visti da RTL mostrano che nel 2017 e nel 2018 quasi un agricoltore biologico su 10 non ha rispettato tutte le regole.

Tuttavia, gli agricoltori a cui viene dato un warning ufficiale possono ancora vendere i loro prodotti come biologici.

L’esperto Gertjan Schaafsma ha detto a RTL di essere sorpreso che i prodotti vangano venduti come biologici anche se non soddisfano i requisiti dell’etichetta.

Ciò non ha alcun impatto sulla salute pubblica, ma influenza l’immagine dei prodotti biologici e il prezzo che i consumatori pagano, ha affermato.

Le condizioni in cui versano gli allevamenti sarebbero alla base della maggior parte delle segnalazioni.

Inoltre, è stato rilevato che circa 20 produttori ortofrutticoli hanno utilizzato fertilizzanti e pesticidi non consentiti o hanno irrigato le loro colture con prodotti chimici non biologici.

RTL ha ottenuto i rapporti di ispezione Skal utilizzando le norme sulla libertà di accesso agli atti.

Skal Biocontrole è autorizzata dal ministero degli affari economici e controlla i prodotti biologici secondo gli standard europei.