l 40% degli insegnanti di scuola secondaria crede di percepire i segnali di una crescente segregazione nelle scuole e che l’integrazione degli studenti delle minoranze stia fallendo, dice  una ricerca dell’agenzia DUO. L’indagine coinvolge un campione di circa 2,200 insegnanti più altri insegnanti che hanno risposto via mail al sondaggio.

Nell’inchiesta, circa il 40% delle risposte ha affermato di avere prove per dichiarare che la segregazione sta crescendo a discapito del’integrazione. Nella scuola primaria la percentuale di risposte in questo senso, ammonterebbe al  27%.

Per questo aumento della segregazione, le scuole sembrerebbero per di più incolpare la differenza tra valori occidentali e non occidentali, seguita dalla mancanza di volontà di integrare, dalle differenze di stato sociale e di valori religiosi.

Molti insegnanti hanno anche detto che i genitori di minoranze etniche non parlano un buon olandese e tendono a chiudersi in gruppo. È compito di questi genitori assicurarsi che i loro figli siano propriamente integrati, ha affermato il 58% degli insegnanti della scuola secondaria.

Il sondaggio ha anche rilevato che le scuole e i politici hanno un ruolo importante nel processo di integrazione. Ciò nonostante, circa l’11% degli insegnanti ha detto di evitare, durante le lezioni, argomenti difficili come il terrorismo, l’omosessualità e la discriminazione.