NL

NL

Cambiamento climatico, nei Paesi Bassi incendi ampi e incontrollabili diventeranno la norma

Gli incendi nei Paesi Bassi diventeranno sempre più incontrollabili; inoltre porteranno a evacuazioni più frequenti e influiranno su infrastrutture vitali. Esperti di KNMI, Wageningen University & Research, VU University Amsterdam, Deltares e Nederlands Instituut Publieke Veiligheid (NIPV). mettono in guardia in un rapporto pubblicato oggi.

Le organizzazioni lanciano congiuntamente un “segnale a tappeto” e invitano all’azione: man mano che il clima si riscalda e diventa più secco, più vegetazione diventa potenziale combustibile e gli incendi si verificheranno più spesso. “Lo sperimenteremo e può accadere a breve termine”, avverte il ricercatore Hans Hazebroek di NIPV, dice NOS.

Il rischio di incendi, insomma, sta aumentando più velocemente del cambiamento climatico: secondo i ricercatori, le conseguenze di questi tipi di incendi possono essere significative a causa della densità di popolazione dell’Olanda, una delle più alte al mondo. La natura, l’agricoltura, l’edilizia abitativa, le ferrovie e l’assistenza sanitaria sono troppo vicine l’una all’altra in molti luoghi mentre cavi ad alta tensione attraversano riserve naturali.

Gli istituti che hanno partecipato alla ricerca chiedono ai governi di pensare a ridurre il pericolo e sostengono che anche il rischio di incendi dovrebbe essere preso in considerazione quando si progettano nuove aree urbane o costruzioni. E mentre la prevenzione  si concentra tradizionalmente sugli incendi su piccola scala mentre il fuoco divampa piu spesso su larga scala, dice NOS.

Misure sono necessarie in consultazione con i governi, come la prevenzione e la progettazione “intelligente” del paesaggio. Gli incendi, insomma, dovrebbero entrare nella lista di eventi naturali per i quali viene previsto un protocollo preventivo specifico.

Sia il NIPV che i vigili del fuoco olandesi ritengono che un piano Delta per gli incendi boschivi sia una buona idea, paragonabile al piano per  proteggere da una nuova inondazione dopo il 1953.

SHARE

Altri articoli