L’ambasciatore polacco nei Paesi Bassi ha lanciato l’allarme contro l’abuso delle leggi sul lavoro olandesi che finiscono per sfruttare, soprattutto, i suoi concittadini.

Marcin Czepelak ha detto al giornale che le agenzie di collocamento sanno esattamente come aggirare le regole dei contratti a tempo determinato per ottenere il massimo profitto.

“La gente viene portata in Olanda con false promesse, lavora in condizioni precarie e viene esclusa dalla società olandese”, ha affermato.

In questo processo, ha detto l’ambasciatore, ci sarebbe anche una buona dose di discriminazione. Il termine Polenhotel, utilizzato per descrivere un alloggio per i lavoratori migranti, è uno di questi elementi”, ha detto.

L’agenzia di statistica olandese CBS ha detto all’inizio di quest’anno che i lavoratori provenienti da Polonia, Romania e altri paesi dell’Europa centrale e orientale guadagnano i salari più bassi di tutti i gruppi di immigrati.

Circa l’80% dei 180.000 cittadini polacchi che lavorano nei Paesi Bassi guadagnano meno di € 15 l’ora e il 18% di essi guadagna meno di € 10, ha detto CBS. E la ricerca pubblicata un anno fa dal comitato di esperti del governo SCP ha detto che circa il 75% dei cittadini polacchi residenti nei Paesi Bassi ha un lavoro, ma la loro situazione è di gran lunga più precaria dfi quella degli olandesi.