Immunità agli agenti di polizia? No. Il Groenlinks, la sinistra rossoverde, risponde alle critiche piovute sul web a proposito della nuova legge che Senato voterà la prossima settimana e che gli attivisti per i diritti umani considerano un passo verso l'”immunità” dalla giurisdizione per gli agenti di polizia che si fossero macchiati di abusi contro cittadini in stato di fermo.

“Il Pubblico Ministero (OM) potrà perseguire la violenza della polizia in due modi: come violazione del regolamento ministeriale o come omicidio colposo. Le violenze, quindi, non rimarranno impunite”, scrive il partito rossoverde in un comunicato pubblicato sul sito del suo gruppo parlamentare.

“Gli agenti di polizia che abusano della loro autorità verranno, quindi, processati e condannati. Questa legge riguarda lo status di “indagato” che gli agenti ora ricevono automaticamente in caso di incidente”, scrive il Groenlinks “Come agente, ti viene chiesto di agire in situazioni potenzialmente pericolose. Noi, cittadini comuni, non dobbiamo mai usare la forza. Gli agenti possono doverlo fare. Questa legge renderà obbligatorio valutare, prima dell’iscrizione nel registro degli indagati, se effettivamente gli agenti si siano o meno attenuti al protocollo”.

Ma secondo GroenLinks gli agenti di polizia “ricoprono una posizione particolare nella società”. “Il Senato sta attualmente esaminando un disegno di legge che cambierà il processo di indagine sulle violenze della polizia. In breve, il cambiamento più importante è che gli agenti di polizia non saranno più automaticamente indagati: se chiediamo agli agenti di polizia di fare un passo avanti, dove altri (e quindi anche noi) dobbiamo fare un passo indietro, non possiamo sospettare da subito che possano aver violato la legge”.

GroenLinks ritiene che questo disegno di legge trovi il giusto equilibrio tra la protezione del cittadino da un lato e la posizione legale dell’agente dall’altro, e quindi ha votato a favore. Inoltre, conclude GL, le pene più lievi non escludono del tutto la possibilità di un processo per omcidio colposo.

ControlAltDelete, un osservatorio olandese sugli abusi della polizia, non è convinto dal comunicato di GL: rimane ignota la ragione di questa legge perchè la prassi dimostra che i tribunali già riconoscono uno status speciale agli indagati. Rarissimi i rinvii a giudizio e ancora più rare le condanne.