Che il premier Rutte non partecipi ad una conferenza stampa nella quale si annuncia l’allentamento delle misure Covid è una novità insolita ma non inattesa: ufficialmente per impegni ma di fatto per dare il segnale che la situazione non è più di emergenza e il ministro-tecnico Kuipers può cavarsela da solo annunciando il sostanziale a quasi tutte le misure Covid.

Nell’introduzione della conferenza stampa, il ministro Ernst Kuipers ha sottolineato come l’accelerazione nella rimozione (quasi) totale delle misure Covid sia dovuta all’impatto dell’omicron: nonostante il numero elevato di contagi, le strutture sanitarie hanno retto bene e i ricoveri non sono saliti alle stelle.

“Il Paese si riaprirà. Tutto riaprirà a grandi passi”, questo il messaggio del ministro durante la conferenza stampa di stasera. Kuipers ha anche guardato indietro: “Il Covid ha gettato un’ombra sulle nostre vite. A volte ci ha diviso. Ma ora siamo in una fase diversa”.

 

I provvedimenti sono già, praticamente, tutti noti grazie ad indiscrezioni trapelate alla stampa nei giorni passati

  • L’horeca potrà chiudere all’1 del mattino (da venerdi 18 febbraio), via mascherina e distanziamento ma per ora rimane il Green Pass
  • Sarà possibile accogliere a casa quanti ospiti si vuole ; cade il limite dei 4
  • Per gli eventi oltre i 500 ospiti è ancora necessario il posto fisso
  • Dal 25 febbraio verrà abolito il Green Pass e cadranno (quasi) tutte le restrizioni in vigore
  • Via libera a festival ed eventi, senza restrizioni e senza necessità del Green Pass ma sistema 1g: test per tutti
  • Posto riservato e mascherina necessari solo per eventi al chiuso con più di 500 partecipanti
  • Via l’obbligo di mascherina (che rimarrà, tuttavia, per il momento, sui trasporti pubblici, inclusi gli aerei)
  • Consiglio di lavorare da casa il 50% del tempo
  • Chi è positivo al Covid, dovrà rimanere in isolamento 5 e non più 7 giorni. E potrà uscire dall’isolamento 24hrs dopo il test negativo
  • Rimangono in vigore le misure base

Il 15 marzo, il gabinetto esaminerà le misure ancora in vigore, come l’obbligo di indossare le mascherine nei trasporti pubblici, la politica 1G nei luoghi interni affollati e il consiglio di lavorare da casa.