Gencat, CC0, via Wikimedia Commons

L’Agenzia Europea dei Medicinali EMA ha annunciato un possibile collegamento tra il vaccino AstraZeneca e la rara combinazione di trombosi e diminuzione delle piastrine, dice NOS. Il quadro clinico viene quindi aggiunto come effetto collaterale molto raro nel foglietto illustrativo.

Non è la prima volta che l’EMA si pronuncia sul tanto discusso vaccino. E non è la prima volta che il farmaco solleva quesiti. NOS cerca di spiegare cosa ha deciso ieri l’Agenzia europea del farmaco. Intanto, la ricerca recente dell’Agenzia ha dimostrato che esiste una possibile connessione.

L’EMA continua, tuttavia, a raccomandare l’utilizzo del vaccino: secondo l’Agenzia, i benefici superano i rischi. Il direttore Emer Cooke definisce AstraZeneca molto efficace. La possibilità di un effetto collaterale infatti è probabilmente inferiore a 1 su 100.000, ha detto Cooke durante la conferenza stampa dell’EMA.

Il bilancio è il seguente: al 4 aprile erano state registrate 222 segnalazioni in tutto il m
ondo, su un totale di 34 milioni di vaccinazioni somministrate nell’Unione Europea e nel Regno Unito. Chi ha ricevuto la somministrazione di AstraZeneca, dovrebbe fare attenzione ai seguenti sintomi: fiato corto, dolore al petto, gonfiore alle gambe, mal di stomaco persistente, lievi sanguinamenti sotto cutanei in zone diverse dall’area dove è stata effettuata l’iniezione.

Al momento non esiste ancora un trattamento ufficiale, afferma l’EMA ma i medici possono intervenire con efficacia in diversi modi. Segnalazioni di trombosi e diminuzione di piastrine sono state riscontrate anche con Janssen e Moderna ma si tratta di tre e cinque casi in totale, dice NOS.

Non è chiaro se ci sarà un limite di età per il vaccino nei Paesi Bassi, come nel Regno Unito. La mia vaccinazione con AstraZeneca è attualmente sospesa. Domani il Consiglio di Sanità emetterà una raccomandazione urgente sulla possibilità di riprendere la vaccinazione con AstraZeneca. Quindi verrà deciso il da farsi.