The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

ART

In mostra tutti gli artisti ispirati da Rembrandt: dal Seicento alla contemporaneità

Al Rembrandt House Museum in esposizione le opere dei seguaci del grande artista olandese



Rembrandt ci ha sempre affascinato, non solo quest’anno – nel 350esimo anniversario dalla sua morte – ma attraverso i secoli. Le stampe di Rembrandt hanno ispirato gli artisti in tutti i modi possibili e la mostra Inspired by Rembrandt esplora la sua influenza sulla loro arte.

Questa volta la Rembrandthuis ha scavato nella propria collezione – perché il museo non costituisce solo la ex-casa e l’ex-laboratorio del grande artista. Da oltre cento anni colleziona anche arte su carta: la collezione contiene oltre 4.000 stampe. E non solo realizzate dalla mano di Rembrandt, ma anche l’arte dai suoi seguaci, dalla sua epoca fino agli artisti contemporanei.

Raggruppate in otto temi stimolanti – “testa”, “natura”, “vita”, “se stesso”, “vuoto”, “nero”, “la linea” e “il non compiuto” – le stampe presentano opere di artisti come Pablo Picasso, Horst Janssen , Charles Donker, Aat Veldhoen, Marlene Dumas e Glenn Brown. Le opere sono in mostra dal 7 giugno fino al 1 settembre 2019 al The Rembrandt House Museum.

A volte gli artisti prendono in prestito veri e propri soggetti dal lavoro di Rembrandt – come i suoi “tronchi”, teste di un personaggio peculiare, come un soldato felice o un orientale sconosciuto. La maggior parte degli artisti, tuttavia, sembra essere stata interessata principalmente alle tipiche questioni che hanno occupato Rembrandt: linea espressiva, ombra, ricerca di un nero profondo e, naturalmente, la rappresentazione intransigente della realtà, comprese le cose che sono ancora tabù, come facce contorte, vecchi corpi, rughe profonde e persone che urinano in pubblico.

La mostra è anche il debutto per l’incisione della Sacra Famiglia in un salotto del 1643 di Ferdinando Bol, acquistata dal museo al TEFAF 2019. Ferdinando Bol (1616-1680) fu apprendista presso Rembrandt tra il 1636 e il 1640. È stato l’unico tra gli allievi di Rembrandt che abbia continuato a realizzare moltissime incisioni e dipinti. Ha spesso modellato le sue composizioni sulla base del lavoro del suo ex insegnante, sempre cercando apparentemente di misurarsi con lui. In una incisione a predominare è l’oscurità: due terzi dell’incisione sono neri quasi completamente assorbenti. Ma anche in questo spazio oscuro emergono molti più dettagli se si cerca un po’ più a lungo: un interno domestico con un letto a cassettone, una culla e un gatto con occhio diffidente su ciò che sta accadendo. Bol ha dimostrato di essere altrettanto abile quanto il suo ex maestro.






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!