The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

In arrivo a Bruxelles, baby box per neonati non voluti

Il  primo baby box del Belgio, per tutte le mamme che desiderino lasciare i bambini indesiderati, era arrivato ad Anversa nel 2000.

Dopo tre anni di battaglie, l’associazione no profit Corvia è stata autorizzata ad aprire un baby box a Evere. “Siamo molto felici, poiché ogni bambino dovrebbe avere diritto a un futuro“, ha detto Mathilde Pelsers dell’organizzazione. “Speriamo di avviare ufficialmente il programma a partire da ottobre”.

Il baby box si trova al 405 di Rue du Tilleul, il box avrebbe dovuto essere allestito il 21 settembre 2017, ma l’ex sindaco di Evere Pierre Muylle aveva abbandonata il progetto. Ne è seguita una battaglia di tre anni presso la Corte Suprema del Belgio per ribaltare questa decisione.

L’attuale sindaco di Evere, Ridouane Chahid, sostiene l’iniziativa e discuterà a breve con Corvia i dettagli del progetto e il suo quadro giuridico.

Corvia è chiaro che l’obiettivo dei baby box non è incoraggiare le persone ad abbandonare i propri figli, anche se la pratica è stata criticata dalle Nazioni Unite, ma “offrire la possibilità di lasciare il proprio bambino in sicurezza”. In passato, i bambini sono stati lasciati in luoghi pericolosi. L’organizzazione mette a disposizione anche un numero verde 0800 555 02 che le mamme possono chiamare per informazioni o aiuto.

La scatola Evere, aperta 24 ore su 24, ha una piccola porta verde che, una volta aperta, rivela uno spazio riscaldato e confortante con una coperta su cui appoggiare il bambino. La scatola del bambino contiene anche una busta con informazioni su Corvia e un pezzo unico del puzzle con cui la madre può identificare il bambino in seguito, se lo desidera.

L’apertura della porta verde fa scattare un allarme e avvisa il custode del baby box. Ma lui o lei aprirà la scatola solo quando la persona che porta il bambino avrà chiuso la porta e se ne sarà andata. Ciò garantisce il completo anonimato, afferma Corvia. Viene quindi contattato un medico per fornire le prime cure essenziali al bambino.