CoverPic@public domain

Lo scorso 10 dicembre l’M-Museum di Lovanio ha inaugurato la mostra “Impressive”. L’edificio del museo, progettato dall’architetto belga Stéphane Beel e costruito nel 2009, ospita opere del periodo gotico e una florida collezione di arte contemporanea, che comprende un nutrito numero di stampe e disegni. Per la precisione, ben 25000 pezzi, la metà dell’intera raccolta della galleria.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da M Leuven (@m.leuven)

Il gabinetto delle stampe

Il gabinetto delle stampe annovera capolavori provenienti da Paesi Bassi, Francia, Germania e Inghilterra, testimonianze dell’arte dal XVI secolo ai giorni nostri, espresse in acqueforti, incisioni, xilografie e disegni, eseguiti da artisti meno e più noti, come Hiëronymus Cock, Constant Permeke, James Ensor and Constantin Meunier. I lavori su carta sono molto fragili e particolarmente sensibili alla luce; per questo, gli oggetti esposti subiranno una turnazione e ogni tre mesi verranno selezionate stampe diverse da esibire al pubblico.

Il ruolo dei volontari

Oggetto della mostra sono anche un approfondimento sulle tecniche di realizzazione delle opere e il fondamentale lavoro dei volontari specializzati del museo, svolto dietro le quinte. L’M-Museum, infatti, da lungo tempo si avvale della collaborazione di volontari appassionati d’arte, divenuti con il tempo sempre più numerosi e, per questo, organizzati in gruppi di lavoro. A loro si deve un notevole contributo nella preservazione del patrimonio custodito nel museo, in particolare l’impegnativa conservazione di stampe e disegni e la loro scannerizzazione al fine di condividere questo tesoro di immagini con il più ampio numero di persone possibile, rendendoli accessibili, in un futuro prossimo, anche da casa.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da M Leuven (@m.leuven)

Un lavoro certosino, svolto per ore nei depositi, del quale i visitatori sanno troppo poco, sostengono gli organizzatori della mostra, e dal quale vogliono sollevare il velo dell’invisibilità. Per questo, i volontari saranno anche coinvolti nella scelta delle opere presenti di volta in volta nelle sale. L’esposizione sarà aperta fino al 5 settembre 2021.