I dati dell’ente di previdenza UWV mostrano un’impennata dei nuovi sussidi di disoccupazione a marzo rispetto a febbraio nei Paesi Bassi, riporta NOS. Il mese scorso, l’UWV ha erogato 38 mila nuove indennità, 11 mila in più rispetto a febbraio, registrando un aumento del 42,3%.

I nuovi sussidi sono stati indirizzati soprattutto ai giovani fino a 25 anni, con un aumento del 185%. Quasi tutti i settori hanno visto un aumento delle indennità di disoccupazione rispetto a febbraio, ma l’impennata si è registrata nel settore dell’ospitalità e della ristorazione (+224%), delle agenzie di lavoro temporaneo (+143%) e del settore culturale (+94%). Il settore culturale e l’industria dell’ospitalità sono duramente colpiti dalle misure atte a frenare la diffusione del coronavirus. E i precari sono i primi a perdere il lavoro quando un’azienda affronta un periodo difficile come questo. Il numero totale delle indennità di disoccupazione è aumentato del 4,3% con 250 mila sussidi attivati a marzo rispetto a febbraio. Mentre si è registrato un calo del 6,5% rispetto a marzo 2019.

I dati di Statistics Netherlands CBS però mostrano che a marzo la percentuale di residenti olandesi con lavoro retribuito è scesa al 69,1%, registrando il calo peggiore degli ultimi sei anni. Nonostante il calo, il numero di impiegati retribuiti è aumentato in media di 4 mila persone al mese negli ultimi tre mesi. Questo risultato si deve ai forti aumenti di gennaio e febbraio. Mal’Ufficio di statistica non ritiene disoccupati tutti coloro che hanno perso il lavoro. Secondo l’Ufficio, infatti, la definizione di disoccupazione si riferisce a “qualcuno senza lavoro che è attivamente alla ricerca di un lavoro ed è disponibile a iniziare immediatamente”. A marzo molte persone hanno smesso di lavorare, ma non hanno immediatamente iniziato a cercare nuovi lavori. “Di conseguenza, il tasso di disoccupazione a marzo è rimasto invariato al 2,9%”, ha affermato l’Ufficio.

Il mese scorso, 9 milioni di persone nei Paesi Bassi avevano un lavoro retribuito, mentre 4 milioni di persone non lo avevano per vari motivi; i disoccupati erano 273 mila. A marzo, 3,8 milioni di persone non cercavano attivamente un’occupazione immediata. Il numero di quest’ultimi è aumentato in media di 11 mila al mese negli ultimi tre mesi. “Questo aumento è probabilmente dovuto anche alle misure adottate a marzo per frenare la diffusione del coronavirus”, ha affermato Statistics Netherlands.

Pic Author: mystic_mabel Source: Flickr License: CC BY-SA 2.0